ASSOCIAZIONE CULTURALE DAL GALLO SEBASTIANO

Il . Inserito in Associazioni culturali

L’Associazione Culturale Dal Gallo Sebastiano è costituita da un gruppo di volontari che hanno ideato, aperto e che tuttora gestiscono la Biblioteca Popolare Dal Gallo Sebastiano con sede in Via MAttie 4 a Meana di Susa (TO), con orario di apertura il giovedì e il sabato dalle 16.00 alle 18.00.

L’inaugurazione della nuova sede è avvenuta il 15 giugno 2013. La mascotte è il Gallo Sebastiano, protagonista di una fiaba della scrittrice Ada Gobetti, che ha vissuto a lungo a Meana nel secolo scorso. Il Centro Studi Piero Gobetti di Torino è socio e sostenitore della nostra biblioteca.

Tutti i libri (già più di 5000) sono stati donati da cittadini della zona, della valle ed oltre, amici e conoscenti, che con grande generosità hanno partecipato a questo progetto che per noi è molto importante.

Lo spazio è dedicato alla lettura con una scelta di libri per adulti, ragazzi e bambini, enciclopedie e manuali. Ha una sezione particolare dedicata agli usi e costumi, la storia e la letteratura della Valle di Susa.

Per poter gestire al meglio la biblioteca i volontari si occupano di organizzare anche eventi culturali a più livelli per la raccolta di fondi e per far conoscere la biblioteca e sensibilizzare i cittadini sul valore della cultura e della lettura.

Dal 2010 L'Associazione Culturale Dal Gallo Sebastiano si occupa di organizzare moltissimi eventi sul territorio:

mostre sulla storia locale e sull’emigrazione, presentazioni di libri di autori valsusini e non, spettacoli teatrali, incontri tematici, attività con i bambini per coinvolgerli alla lettura e alla conoscenza e al rispetto della natura e del territorio, un concorso di disegno per bambini fino a 12 anni, con in palio varie copie del libro di Ada Gobetti “Storia del Gallo Sebastiano” da cui trae nome la nostra associazione, una serie di incontri sulla Resistenza Italiana, mostre fotografiche e alcuni incontri sulle lingue minoritarie nella prospettiva di un futuro corso di francoprovenzale per adulti e bambini, seminari sulle erbe spontanee e i detersivi bioallegri, un CORSO D’INCISIONE con l’artista Tino Aime per i ragazzi della scuola primaria che è terminato con una mostra a metà giugno 2011 con le opere prodotte dai ragazzi, la gestione comunitaria del Forno di Raul Maiero, un concorso fotografico che è quest'anno alla sua seconda edizione, laboratori di disegno per bambini, di fotografia e di inglese per adulti, di cucito, la coltura e manutenzione di un piccolo Castagneto dei Bimbi di Meana, nonchè presentazioni di autori di fama nazionale, come Luca Mercalli,  Wu Ming e tanti altri ancora.

Abbiamo inoltre due progetti a cui teniamo particolarmente:

Due sono strettamente dedicati ai bambini e ai ragazzi: il progetto “ADOTTA UN CASTAGNETO” dedicato ai bambini di Meana che hanno per tutto l’anno la cura di un castagneto gentilmente donato da un meanese.

Il secondo è la promozione sul territorio regionale di una MOSTRA su HIROSHIMA E NAGASAKI, gentilmente donataci dall’Hiroshima Peace Memorial Museum nell’ambito del progetto “Mayor for Peace”, per la messa al bando degli armamenti nucleari dal 2020.

Ci teniamo a sottolineare l’intento che ha fatto da propulsore in questo progetto: noi siamo apartitici, interessati esclusivamente alla diffusione del sapere e della lettura, senza i compromessi dovuti alla crisi dei finanziamenti alla cultura e al mondo delle biblioteche e senza condizionamenti di parte. Siamo convinti che ciascuno abbia diritto al libero accesso alla cultura e alla conoscenza, spinti dalla necessità di offrire ai nostri figli e alle nuove generazioni la possibilità di formarsi una propria cultura indipendente, capace di combattere le cattive politiche, il malaffare, il degrado, la miseria e l’indifferenza, mali che affliggono sempre più la nostra società.

“Le biblioteche non si fanno, crescono”  dice Augustin Birrel, e noi vogliamo crescere!

SOCIETA FILARMONICA MEANESE

Il . Inserito in Associazioni culturali

SOCIETA FILARMONICA MEANESE

fondata nel 1872 continuò l’attività fino agli anni delle guerre mondiali per poi rinascere nel 1972
grazie ad alcuni musici meanesi (Flavio Pelissero, Mario Allemano e Aldo Odiardo).
Il gruppo riparte con la direzione del maestro Arbrun.
Si restaurano gli strumenti e si avvia un corso di orientamento musicale aperto, cosa inusuale in quel tempo,
anche alle donne. C’è una proficua collaborazione con la Banda di Mattie e per alcuni anni le due
bande costituiscono un unico gruppo.
Poi si separano ma non rinunciano a rapporti collaborativi ancor oggi esistenti.

Dal 1972, l’opera della Società Filarmonica Meanese, che si è dotata di Statuto e Regolamento,
prosegue, con la guida di molti maestri tra cui alcuni di Meana come Claudio Pelissero e attualmente Walter Ravetto.
La Filarmonica è apolitica, non ha scopi di lucro, promuove e diffonde la cultura musicale, sviluppa l’associazionismo
e il volontariato, cura l’attività didattica, partecipa alle manifestazioni civili, religiose, patriottiche,
folcloristiche e sociali, incentiva scambi culturali anche con associazioni straniere.
Nel 2000 grazie al Comune e al lavoro gratuito dei soci viene restaurata e ampliata la sala prove.
La Società Filarmonica ha una quarantina di soci che vanno dagli 11 ai 73 anni; organizza corsi di orientamento musicale,
teoria, solfeggio, strumenti e musica d’assieme.
Ora la scuola ha diciotto allievi che prepara per le esibizioni e il saggio di fine corso.